Cade

Non c'è bellezza?

nel lento appassire

di cose,

una volta esultante della vita?

Come non commuoversi

dalla brillantezza del momento, Eterno,

che non tornerà mai più?

Il bagliore dell'autunno

la putrefazione silenziosa precede

in cui germogliano i semi

di una primavera, già presente, ma

invisibile ancora.

Dokushô Villalba

14 novembre. 2020

Condividi questo:

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

12 + nove =