Verso l'eccellenza integrale in azienda e nella vita

Riprendere:

"Successo aziendale" non è sinonimo di "successo globale nella vita". Il successo aziendale fa parte del successo globale, ma non possiamo ridurre il successo globale al successo aziendale.

Dunque, la ricerca dell'Eccellenza Aziendale va affrontata nell'ambito di una più ampia ricerca dell'Eccellenza Integrale nella vita.
Così come la pratica dell'Eccellenza Aziendale si basa su una Cultura Aziendale, da una filosofia aziendale basata su convinzioni che definiscono lo scopo, gli obiettivi superiori, La missione, i valori, Politica aziendale, gli Obiettivi Fondamentali, e ricorrere a Sistemi di Gestione, qualità, a Processi, al Controllo Qualità, utilizzando Indicatori e Valutazioni, la pratica dell'Eccellenza Integrale nella vita richiede anche che definiamo individualmente la nostra Filosofia di Vita e che sulla base di essa formuliamo il nostro Scopo, Obiettivi superiori, Missione, Valori, Politica sulla vita, Obiettivi di base, e che si ricorre ad una modalità di Gestione Integrale, che definiamo il nostro Sistema Qualità, e che ricorriamo ai Processi (procedure, spettacoli), che deve essere controllato attraverso Valutazioni e misure di Controllo Qualità, prestare attenzione agli Indicatori che appaiono nella nostra esperienza vitale.

Decisamente, Eccellenza Integrale è quella che considera la nostra stessa vita come la Grande Compagnia che abbiamo in mano.

(Questo testo è una sintesi del seminario omonimo che ho tenuto in più occasioni per il mondo degli affari.).

Dal mio punto di vista, l'eccellenza nella gestione dell'impresa deve necessariamente inquadrarsi nella ricerca dell'eccellenza globale nella vita, che è, decisamente, l'impresa fondamentale di ogni essere umano. Questa eccellenza globale nella vita è ciò che possiamo chiamare Eccellenza Integrale.

Tutti conoscono l'attuale sindrome del "miserabile vincitore" in cui il successo professionale avviene contemporaneamente al fallimento personale. Con questa sindrome diventa chiaro che il successo professionale e il successo globale non sono la stessa cosa.

Se Business Excellence definisce le azioni che portano al successo professionale, L'eccellenza integrale definisce le modalità di vita che portano al successo integrale. È vero che il successo professionale contribuisce al successo generale, ma non dobbiamo dimenticare che la prima è solo una parte della seconda. Dietro la sindrome del "miserabile vincitore" c'è l'errore di confondere la parte con il tutto, o la riduzione del successo integrale al successo professionale. Integral Excellence corregge questo errore e inserisce il, successo aziendale in tutto ciò che lo include e lo trascende, vale a dire nel successo integrale.

La mia presentazione di questa mattina non mira tanto al raggiungimento dell'eccellenza aziendale (che non è il mio argomento), ma per delineare i principi di base di un'Eccellenza Integrale. Vale a dire, Non mi rivolgo a voi come imprenditori, ma come esseri umani che hanno nelle loro mani l'impresa più grande e più importante di tutte: la vita stessa. tuttavia, Mi permetta l'audacia di usare il linguaggio comunemente usato nei corsi di Business Excellence.

Definizione.
Per iniziare, Possiamo definire l'Eccellenza Integrale come "l'insieme delle pratiche vitali di ogni individuo (Stile di vita) il cui scopo è gestire le proprie risorse esistenziali al fine di raggiungere i risultati precedentemente definiti; risultati che chiameremo successo integrale ”.
La nozione di “successo integrale” è definita da ogni individuo, consciamente o inconsciamente, secondo la loro filosofia di vita e questa filosofia di vita prende forma come Scopo, Missione, obiettivi, Valori e Credenze.

Filosofia di vita.
Che ci piaccia o no, che lo sappiamo o no, siamo tutti filosofi. Tutti abbiamo una filosofia di vita. La nostra filosofia di vita è l'insieme delle convinzioni che servono come premesse per tutte le nostre azioni. La filosofia di vita è di fondamentale importanza quando si tratta di raggiungere un successo globale, poiché è un impulso fondamentale che ha molto più peso della nostra formazione tecnica o professionale o della nostra situazione economica, poiché sebbene questi elementi siano essenziali per il successo integrale, sono meno consequenziali della fermezza con cui crediamo nei nostri principi fondamentali di vita e della forza con cui ci sforziamo di rispettarli.
così, è importante chiedersi: qual è la mia filosofia di vita?
La filosofía de vida de cada uno de nosotros viene dada por la forma particular como cada uno define nociones claves como Propósito, Obiettivi superiori, Missione, Valori, Política Vital y Objetivos Básicos.
El Propósito de Vida es algo que perdura en el tiempo, es lo que marca la dirección que de sentido a la vida del individuo, tanto en el presente como en el futuro.
Pregúntense: ¿Cuál es el Propósito de mi vida, la meta última, el sentido final de todas mis acciones, emociones y pensamientos?
Si bien es verdad que cada individuo articula el Propósito de su vida en términos específicos, no es menos cierto que en definitiva el Propósito de vida de todos los seres vivos no es otro que el de alcanzar un estado de felicidad, exento de dolor y de sufrimiento.
È essenziale non dimenticare che lo scopo ultimo della nostra vita è l'esperienza della felicità. Questo è ciò che, Per la natura, tutti cerchiamo.
Tuttavia, cos'è la felicità. Ci sarebbero molti modi per definire questo stato inafferrabile.
Personalmente mi piace la definizione dello psicologo Abraham Maslow, uno dei padri della psicologia umanistica, per cui "la felicità nasce dalla soddisfazione dei nostri bisogni essenziali". Non di desideri, ma dei bisogni essenziali.

Quali sono questi bisogni secondo Maslow?

1º. bisogni fisiologici. Fabbisogno di ossigeno, agua, proteine, sal, zucchero, calcio e altri minerali, vitamine, mantenere l'equilibrio del PH, temperatura ( 36.7 ºC o vicino ad esso), dormire, riposo, smaltimento dei rifiuti, protezione dal freddo e dal caldo, evitare il dolore e il bisogno sessuale.

2º. esigenze di sicurezza e protezione. bisogno di sicurezza, protezione, stabilità e ordine. habitat sicuro, stabilità occupazionale, Piano di pensionamento, assicurazione sulla vita, eccetera.

3º. I bisogni di amore e di appartenenza. Quando i bisogni fisiologici e di sicurezza sono soddisfatti, Entra in scena questo terzo gruppo di bisogni. Siamo esseri sociali e abbiamo bisogno di sentirci in relazione con il gruppo umano. È qui che nasce il bisogno di amicizia., coppia, delle relazioni affettive, vita comunitaria in generale. Nella nostra vita quotidiana, questi bisogni si manifestano nei nostri desideri di unione (matrimonio), avere famiglie, essere parte di una comunità, di una chiesa, di una confraternita, di un circolo sociale, eccetera.

4º. bisogni di stima. Maslow ha descritto due livelli nel bisogno di stima, uno inferiore e uno superiore. Il bisogno di stima inferiore include la ricerca del rispetto degli altri., di stato, fama, gloria, riconoscimento, Attenzione, reputazione, apprezzamento, dignità e persino potere il dominio. Il bisogno di maggiore stima include il bisogno di rispetto di sé., sicuro di sé, di concorrenza, conquiste, Master, indipendenza e libertà. La mancanza di stima si manifesta come un complesso di inferiorità, quale, secondo lo psicologo Adler, è alla radice di molti dei nostri problemi psicologici.
Maslow ritiene che tutti questi bisogni siano essenzialmente vitali.. Anche l'amore e la stima sono necessari per il mantenimento della salute. Afferma che tutti questi bisogni sono geneticamente incorporati in ognuno di noi, come gli istinti. Infatti, Li chiama bisogni istintivi. (quasi istintivo).

5º. Il bisogno di realizzazione personale. Secondo Maslow, quando questi bisogni istintivi sono soddisfatti, nasce naturalmente il bisogno di realizzazione personale, vale a dire, la necessità di sviluppare appieno il proprio potenziale come individuo, la necessità di crescere e maturare come individuo consapevole di sé dando il meglio di sé, il meglio della natura umana.

Dopo aver identificato una popolazione di individui autorealizzanti, Maslow ha estratto queste caratteristiche:

  • Sono persone focalizzate sulla realtà , il che significa che possono distinguere ciò che è falso o fittizio da ciò che è reale e genuino.
  • Sono persone focalizzate sui problemi. , persone che affrontano i problemi della realtà in virtù delle loro soluzioni, non come problemi irrisolvibili a cui si rassegnano.
  • Hanno una diversa percezione dei significati e dei fini . Credono che i fini non giustifichino necessariamente i mezzi; che i mezzi possono essere fini a se stessi e che i mezzi (viaggio) è spesso più importante dei fini.
  • Sono persone che hanno bisogno di privacy. , e sono a loro agio a stare da soli.- Sono relativamente indipendenti dalla cultura e dall'ambiente , basandosi maggiormente sulle proprie esperienze e giudizi.
  • Sono resistenti all'inculturazione , questo è, non sono suscettibili di pressione sociale; Lo sono davvero, Anticonformisti nel senso migliore.- Hanno valori democratici , oh mare, aperti alla varietà etnica e individuale, e anche difenderlo.
  • Hanno interesse sociale, compassione, umanità.- Sono persone che godono di stretti rapporti personali con pochi amici intimi e familiari., più di molte relazioni superficiali con molte persone.
  • Hanno un senso dell'umorismo non ostile , preferendo le battute a scapito di se stesse o della condizione umana, ma mai rivolto ad altri.
  • Hanno la qualità di accettazione di se stessi e degli altri , il che implica che preferiscono accettare le persone così come sono, più che volerle cambiare.
  • Sono spontanei e amano la semplicità : preferiscono essere se stessi piuttosto che pretenziosi o artificiali.
  • Hanno una certa freschezza nell'apprezzamento ; una capacità di vedere le cose, anche ordinario, quanto prezioso.
  • sono creativi , fantasioso e originale.
  • Tendono a vivere le esperienze più intensamente delle altre persone.

Metabisogni e metapatologie

Il bisogno di autorealizzazione è dato dai cosiddetti meta-bisogni che ci spingono a realizzare le qualità più specifiche della nostra natura umana., e cosa ci differenzia dagli altri animali.
Questi bisogni dell'obiettivo sono:

  • VERO, Bontà e Bellezza.
  • Unità, integrità e trascendenza degli opposti,
  • Vitalità, Singolarità,
  • Perfezione
  • Soddisfazione e completezza,
  • giustizia e ordine,
  • semplicità,
  • Fortaleza,
  • Umorismo e senso giocoso dell'esistenza.
  • autosufficienza,
  • Cerca il significativo.

Maslow ha parlato anche delle metapatologie che compaiono quando questo bisogno di autorealizzazione non è soddisfatto.. Tra questi c'è la depressione., disabilità emotiva, sensazione di disgusto e frustrazione, allineamento, cinismo.
La frase di Maslow è famosa, riferito a questo livello di necessità, cosa dice: “Ti avverto che se ti accontenti di meno di quanto sei capace, non sarai mai soddisfatto (felice)".

6º. Necessità di trascendenza.

Verso la fine della sua vita, Maslow includeva un sesto gruppo di bisogni., che chiamava necessità di trascendenza , o bisogno di sperimentare uno stato di coscienza espanso oltre la solita identificazione con il sé. Necessità di sperimentare l'UNITÀ fondamentale della Vita Universale, sentirsi uno con il tutto. Maslow ha chiamato queste esperienze "vette" perché costituiscono il destino ultimo della vita umana e la piena realizzazione della nostra natura.. Maslow ha studiato molti soggetti che hanno avuto questa esperienza e ha concluso che è la stessa esperienza mistica che è al centro della maggior parte delle tradizioni religiose e spirituali..
L'impulso verso la trascendenza nasce quando ne diventiamo consapevoli, anche se otteniamo la piena soddisfazione di tutte le nostre esigenze, la vita umana è un fenomeno fragile e transitorio. Infine, siamo tutti di fronte alla malattia, vecchiaia e morte. Non importa i frutti e le conquiste che siamo in grado di raggiungere nella vita, Infine, una volta o l'altra, nos vemos confrontado con el hecho de nuestra desaparición de este mundo.
De cara a la muerte, ¿qué es lo realmente importante?
disse un vecchio maestro zen: “Nada que no pueda superar la disolución de la muerte es realmente importante”.
¿Qué es lo que supera la muerte? ¿Qué es lo que no muere cuando todo muere? La búsqueda de “lo que no muere” es la fuerza que impulsa la necesidad de trascendencia. Conectar con lo que trasciende a la muerte se convierte entonces en una necesidad fundamental.

CLARIFICANDO LA FILOSOFIA DE VIDA

Così che, necesitamos clarificar que el Propósito de nuestra vida es alcanzar un estado de felicidad, y que éste estado viene dado por la satisfacción de todas nuestras necesidades, en sus diversos niveles.
Una vez aclarado esto, definiamo i nostri Obiettivi Superiori. Queste sono le pietre miliari che guidano le nostre azioni verso lo Scopo, collocandolo in termini più concreti di tempo e di spazio.
L'insieme dei nostri Obiettivi Superiori costituisce la nostra Missione nella vita. La Missione è l'espressione sincera delle nostre aspirazioni più intime nella vita.
Per realizzare la nostra Missione, ci atteniamo a determinati Valori , quali sono le regole o i modi di fare che definiscono il nostro carattere e ci danno un senso di individualità.
L'insieme formato dal Proposito, gli obiettivi superiori, la Missione e i Valori costituiscono la nostra Politica Vitale , quali sono le linee globali della nostra azione nel mondo e che sono legate al nostro modo di gestire la nostra esistenza.
È la nostra Politica Vitale che segna gli Obiettivi Fondamentali o gli obiettivi da raggiungere, in ogni circostanza.

SISTEMA DI QUALITÀ INTEGRALE VITALE

Così come le aziende devono implementare un sistema di qualità aziendale, anche gli esseri umani devono disporre di un Sistema Qualità Completo che si occupi del raggiungimento della Qualità della Vita . Questa Qualità della Vita non può essere definita esclusivamente in termini materiali (bisogni fisiologici) ma deve includere la soddisfazione di tutti i livelli di bisogni.

GESTIONE VITALE INTEGRALE

L'implementazione di questo Sistema di Qualità Integrale nel nostro modo di vivere richiede lo sviluppo di un Sistema di Gestione Integrale in ogni individuo., che deve nascere da una visione globale di tutti i nostri bisogni e delle azioni necessarie per soddisfarli, e ciò deve includere sia l'individuo che il suo ambiente familiare, sociale, culturale e ambientale. Un Sistema di Gestione Integrale si estende a tutte le relazioni dell'individuo.
L'arte di condurre la propria esistenza si basa sulla conoscenza, nell'esperienza, nella capacità di integrare le diverse esigenze individuali; nella fiducia in se stessi; nella motivazione a lavorare per uno stato integrale di felicità; in allenamento, nella cooperazione tra le diverse qualità e tendenze individuali, e non nella dedizione ossessiva a un solo aspetto del proprio essere.
Un Sistema di Gestione Integrale della Complessità Individuale parte dal presupposto che nella Felicità Integrale ottenuta da un Individuo Complesso, la soddisfazione globale è superiore alla soddisfazione di bisogni specifici.

INDICATORI VITALI

Un indicatore è un dato o un insieme di dati che aiuta a misurare oggettivamente l'evoluzione di un processo o di un'attività.
Affinché una gestione completa funzioni, dobbiamo mettere a punto e prestare attenzione a determinati indicatori che ci consentano di conoscere la nostra situazione di vita reale.. Questo significa capacità di ricevere, ascoltare, prestare attenzione ai segni che ci giungono sia dal nostro ambiente che dal nostro mondo interno, prendendone coscienza. Di cosa non sei a conoscenza, non può essere gestito o migliorato. Dunque, solo prendendo coscienza della nostra reale situazione possiamo pianificare, guidare e migliorare la gestione della nostra vita, nel perseguimento del nostro Scopo.

PERCEZIONE INTEGRALE DEI PROCESSI

Così come nella ricerca dell'eccellenza aziendale, vengono utilizzati concetti come i processi, processi rilevanti, processi chiave, fili, procedure e attività, anche nella ricerca dell'Eccellenza Integrale dobbiamo tenerne conto:
I Processi sono insiemi di risorse e attività interconnesse che utilizzano le risorse dell'individuo nel perseguimento del proprio Scopo di Vita. Le risorse includono qualità personali, formazione scolastica, relazioni familiari e sociali, intelligenza, consapevolezza, eccetera.
I Processi Rilevanti sono una sequenza di attività volte a soddisfare bisogni o gruppi di bisogni.
I Processi Chiave sono quei processi estratti dai processi rilevanti che hanno un impatto significativo sugli obiettivi strategici e sono critici per il benessere dell'individuo.
I sottoprocessi sono parti ben definite di un processo. La sua identificazione può essere utile per isolare i problemi che possono sorgere e consentire trattamenti diversi all'interno dello stesso processo..
Le procedure sono modalità specifiche di svolgimento di un'attività.. Che devo fare, quando, dove e come dovrei farlo; che materiale è, attrezzature e documenti di cui ho bisogno.
Le attività sono la somma dei compiti. Normalmente le attività sono raggruppate in una procedura per facilitarne la gestione. La sequenza ordinata di attività risulta in un thread o in un processo..
I progetti sono generalmente una serie di attività volte al raggiungimento di un obiettivo., con un inizio e una fine ben definiti. La differenza fondamentale con i processi e le procedure risiede nella non ripetitività dei progetti.

REVISIONE DELLO SCOPO, LA MISSIONE, I VALORI, POLITICHE E PROCESSI

Ogni individuo dovrebbe rivedere periodicamente lo Scopo, La missione, Valori e Politiche, per ratificarne i contenuti e/o adattarli da un lato alle sfide poste da un mondo in continuo cambiamento, a la transformación de su propia percepción interna. Si se quiere estar a la altura de los desafíos que se plantean en un mundo donde las ideas y los conocimientos se innovan con la celeridad del momento actual, y donde los procesos de transformación internos se han acelerado también, el Individuo debe estar preparado para cambiar en si mismo todo lo que sea preciso y trasmitir esta necesidad del cambio a todos los subsistemas de su personalidad.

EVALUACION DE LOS PROCESOS

Todo individuo, si quiere realizar su Propósito de vida, necesita establecer un sistema de gestión apropiado de sus recursos (cualidades, medios materiales, relaciones, tiempo, eccetera.).
Sea cual sea el sistema de gestión adoptado, ognuna di queste necessita di meccanismi di valutazione che misurino il punto in cui si trova sulla strada verso la realizzazione del suo Scopo, scopi o obiettivi.
Se i processi, sistemi e obiettivi sono coerenti con lo Scopo, La missione, i Valori e le Politiche dell'Individuo, le autovalutazioni sono uno strumento ideale per valutare il grado di attuazione e di efficacia delle stesse.

CONCLUSIONE

"Successo aziendale" non è sinonimo di "successo globale nella vita". Il successo aziendale fa parte del successo globale, ma non possiamo ridurre il successo globale al successo aziendale.
Dunque, la ricerca dell'Eccellenza Aziendale va affrontata nell'ambito di una più ampia ricerca dell'Eccellenza Integrale nella vita.
Così come la pratica dell'Eccellenza Aziendale si basa su una Cultura Aziendale, da una filosofia aziendale basata su convinzioni che definiscono lo scopo, gli obiettivi superiori, La missione, i valori, Politica aziendale, gli Obiettivi Fondamentali, e ricorrere a Sistemi di Gestione, qualità, a Processi, al Controllo Qualità, utilizzando Indicatori e Valutazioni, la pratica dell'Eccellenza Integrale nella vita richiede anche che definiamo individualmente la nostra Filosofia di Vita e che sulla base di essa formuliamo il nostro Scopo, Obiettivi superiori, Missione, Valori, Politica sulla vita, Obiettivi di base, e che si ricorre ad una modalità di Gestione Integrale, che definiamo il nostro Sistema Qualità, e che ricorriamo ai Processi (procedure, spettacoli), che deve essere controllato attraverso Valutazioni e misure di Controllo Qualità, prestare attenzione agli Indicatori che appaiono nella nostra esperienza vitale.

Decisamente, Eccellenza Integrale è quella che considera la nostra stessa vita come la Grande Compagnia che abbiamo in mano.

@dokushovillalba

Condividi questo:

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

diciotto − nove =